Archivio per la categoria ‘EDITORIALI E NEWS’

Buon pareggio dell’Atletico Gela ottenuto nella trasferta di Siracusa contro l’Enzo Grasso in occasione della prima giornata del girone D di Promozione. Gli undici schierati in campo da Dario Di Dio passano subito in vantaggio con il solito Ascia, tengono bene agli assalti aretusei e vengono raggiunti solo in piena “zona cesarini”, allorché incassano la rete di Russo che fissa definitivamente il punteggio sull’1-1. Peccato per Campanaro costretto a lasciare il campo poco prima del triplice fischio arbitrale, espulso dall’acese Guarrera per doppia ammonizione. Idem per lo stesso Mr. Dario Di Dio allontanato dal campo durante l’extra-time per proteste. Con qualche recriminazione, la compagine giallorossa esce comunque imbattuta dal Centro Sportivo Erg, dopo aver affrontato sul green in erba sintetica e fuori dalle mura amiche una squadra che dopo aver sfiorato i play-off la stagione passata, ambisce quantomeno a ripetersi e quindi a fare un campionato di vertice. Il punto conquistato, del resto, rappresenta un’ulteriore iniezione di fiducia dopo la qualificazione ottenuta in Coppa Italia contro il Real Niscemi, per un inizio di stagione che solletica non poco il morale. Intanto, nell’altro anticipo di giornata lo Scicli regola in casa il Troina con un classico 2-0 e si porta momentaneamente in testa alla classifica. Di seguito, le restanti sfide in programma: Agira Nissoria-Città di Rosolini; Gymnica Scordia-Leonfortese; Paternò 2011-Priolo Calcio; Real Niscemi-Or.sa. Ragusa; S. Sebastiano-Santa Croce; Virtus Ispica-Nicosia.
Annunci

Solidarietà a Rosario Cauchi

Pubblicato: luglio 28, 2011 in EDITORIALI E NEWS

Rosario Cauchi (nella foto a fianco), free-lance e collaboratore di varie testate giornalistiche sia stampa che televisive ed on line, ha esposto formale denuncia per aver ricevuto minacce anonime legate ai suoi articoli vertenti fatti di mafia. In particolare, sotto la saracinesca del suo garage di Caposoprano, il cronista ha rinvenuto due santini – uno dei quali semi-bruciato – accompagnati da un biglietto recante il messaggio: “Ti leggiamo e non va bene quello che scrivi, questo e’ l’ultimo avvertimento”. Gela Urban Blog esprime la totale solidarietà al collega.
Prosegue il percorso professionale di Gianluigi Di Mauro, indimenticato centrocampista della Juventina Gela e da 16 anni allenatore del Gela Calcio, già Gela JT. Dopo aver superato con successo il corso base Uefa B, Di Mauro ha superato anche lo scoglio successivo, superando il corso per allenatori di 2^ categoria Uefa A, che ha avuto luogo presso il Centro tecnico di Coverciano, in Toscana. Il conseguimento di questo patentino, immediatamente prossimo a quello di 1^ categoria Uefa A (il massimo livello), consente a Di Mauro – che ha collaborato in passato con diversi tecnici quali Ammirata, Righetti, Provenza, Sanderra e Foti – di fare l’allenatore in seconda anche tra i cadetti o addirittura in serie A e lo abilita, soprattutto, ad assumere la responsabilità tecnica (1° Allenatore) in Lega Pro.
Un traguardo importante nel percorso formativo del tecnico nato a Mascali (CT), ma gelese d’adozione, che si arricchisce dei contributi in termini di lezioni teoriche e pratiche, da parte di gente come Sacchi, Ulivieri, Beretta, Mihajlovic ed altri, assistendo in presa diretta nell’ultima fase del corso anche agli allenamenti dal vivo della nazionale.
“Sono felice per come sono andate le cose – afferma Di Mauro –. È un traguardo importante per me. Ringrazio la mia famiglia per il sostegno e la pazienza. Non è facile, soprattutto di questi tempi, lavorare nel mondo calcio. Grazie però alla mia passione ho raggiunto questo importante traguardo. Ringrazio il Presidente Angelo Tuccio, una persona leale e onesta che ha dato tutto se stesso per il calcio gelese e che mi ha dato fiducia e la possibilità di accedere al corso per allenatori. Senza di lui – conclude Di Mauro – non ce l’avrei fatta, e per questo gli sarò per sempre grato e riconoscente”.
Fare gli assessori a Gela è diventato pericoloso. Ne sa qualcosa Carmelo Casano che circa un mese e mezzo fa, giusto all’indomani del suo insediamento ai Lavori Pubblici, venne salutato con l’immagine di un uomo incaprettato ed il messaggio “farai la stessa fine” in una busta recapitata presso gli uffici del relativo assessorato. Ieri è toccato a Giuseppe D’Aleo, 42 anni, che da 18 anni svolge la professione di avvocato e che da quasi un anno è Assessore all’Urbanistica del Comune di Gela, in quota MpA nella Giunta Fasulo. Una busta gialla contenente un proiettile è stata recapitata nella cassetta delle lettere presso il suo studio privato. D’Aleo non ha nascosto la sua preoccupazione e l’amarezza di chi non riesce a dare una lettura a tale intimidazione, assicurando però che andrà avanti e continuerà a ricoprire il ruolo istituzionale conferitogli. D’Aleo aveva prontamente smentito le voci di dimissioni dall’incarico, diffusesi a marzo di quest’anno, per la sua contrarietà alla decisione del sindaco Fasulo, che non ebbe poi alcun seguito, di sistemare provvisoriamente il mercato settimanale in contrada Marchitello. Una vicenda, quella del mercato settimanale, che si trascina ancor oggi e la cui problematica interessa anche l’assessorato allo sviluppo economico retto dall’avv. Rinelli. L’assessorato all’Urbanistica, si sa, è un settore nevralgico ed a Gela, in particolare, notoriamente e non da ieri “controverso”. La gestione dell’assessorato in questione condotta fin qui da D’Aleo è stata fortemente caratterizzata dalla lotta all’abusivismo edilizio e non è, per quanto detto sopra, affatto un caso: ma, le chiavi di lettura potrebbero essere benissimo altre. Gela Urban Blog esprime la propria solidarietà alla persona ancor prima che all’assessore Giuseppe D’Aleo, ingiustamente vittima dell’ennesimo, vile, atto intimidatorio che la cronaca di questa città è costretta a registrare.
La Meic Services Heraclea Gela si aggiudica gara 3 dei quarti di finale ed elimina l’Onsen Pagliare del Tronto (prov. Ascoli Piceno), accedendo alle semifinali dei play-off di B2 Volley Femminile. Dopo aver inaugurato la serie vincendo gara 1 al Pala Livatino la domenica precedente con un netto 3-0 ed incassata la sconfitta in gara 2 per 3-1 in quel di Pinetoli, le ragazze del presidente Invincibile si sono imposte sulle rivali marchigiane fra le mura amiche con un secco 3-0 che, come testimoniano anche i parziali (25-19, 25-23, 25-15), non ammette repliche. Eluso il rischio di una dèbacle nervosa, la superiorità tecnica della compagine gelese già emersa nei due precedenti incontri è stata inesorabilmente ribadita anche nella “bella” disputatasi ieri sera al Pala Livatino. Le avversarie agli ordini di coach Napoletano hanno creato qualche difficoltà alle ragazze allenate da Corrado Scavino sostanzialmente solo nel secondo set, giocato punto a punto fino al break finale a favore del team biancazzurro. Festa sugli spalti e sul parquet al termine della gara, benché già mercoledì 25 maggio, al Palazzetto dello Sport di Via Ancona in San Pietro Vernotico (comune attorno i 15000 abitanti, in provincia di Brindisi), c’è una temibile contendente alla finale play-off che l’Heraclea è chiamata ad affrontare. La Nubile Nuova Andrea Skilo ha tagliato il pass diretto per le semifinali play-off, piazzandosi al secondo posto nel girone H, con 69 punti totalizzati, dietro la corazzata Guerriero Volley Arzano (prov. Napoli). E’ un roster di assoluto livello per la categoria, formato da Michela Ristits, Marcella Scaglioso, Claudia Carrozzo, Annamaria Presicce, Manuela Gambini, Gisella Scialacomo, Rosalba Milone, Luisa Chionna, Valeria Cristoforo, Roberta Romanelli e Francesca Scilipoti. L’allenatore è Carratù. Non è affatto un caso che la squadra salentina sia di fatto la migliore seconda nell’intera B2 di Volley Femminile ed ha tutta l’intenzione di guadagnarsi la finale anche perché – a quel punto – sarebbe la prima, in caso di mancato salto di categoria diretto, fra le ripescate in B1. Storia che del resto da quelle parti conoscono già, essendosi verificata alla fine della stagione 2001/02, chiudendo peraltro anche allora la regular season alle spalle dell’Arzano Volley.
La Meic Services Heraclea Gela vuole andare avanti nel cammino play-off inaugurato domenica scorsa con la netta vittoria casalinga ai danni dell’Onsen Pagliare del Tronto. Le ragazze allenate da coach Scavino hanno dovuto, però, incassare la sconfitta il successivo mercoledì, sul parquet del Palasport di Spinetoli, dalle avversarie marchigiane letteralmente rigenerate e galvanizzate dal pubblico amico e, invero, da alcune decisioni aritrali discutibili, giusto nei momenti focali e specie in occasione della palla set con cui le ragazze del Presidente Invincibile avrebbero chiuso a loro favore anche il secondo parziale, ipotecando praticamente match e passaggio del turno. La compagine della piccola cittadina in provincia di Ascoli Piceno dovrà ora dimostrare di che pasta è veramente fatta nell’ultimo round, previsto per domani al Pala Livatino a partire dalle ore 19:00. Dal canto loro, Escher (nella foto) e compagne non dovranno incorrere nell’errore di innervosirsi, nella consapevolezza di aver già dimostrato nelle due gare precedenti di avere qualcosa in più delle rivali. Poi ed eventualmente, si potrà pensare alla semifinale ed alla Nuova Skilo San Pietro Vernotico (prov. Brindisi), così come sta già facendo l’Azzurra Molfetta che nell’altro quarto di finale si è già sbarazzato della Nemesi Stabia ed affronterà in semifinale la Golem Cinquefrondi.
La Meic Services Heraclea Gela si fa trovare all’attenti e sul parquet di casa non fallisce l’appuntamento al primo round dei quarti di finale di play-off di Serie B2. In una partita corretta ed agonisticamente valida, in cui gli arbitri Menduri e Ferrise non hanno incontrato particolari difficoltà, le avversarie marchigiane sono state sconfitte con un perentorio 3-0. Dopo un doppio 25-18 subito, l’Onsen Pagliare del Tronto (AP) ha cercato di reagire, dando battaglia nel terzo set, ma le ragazze agli ordini di coach Scavino non hanno perso la concentrazione e, recuperato il piccolo gap di svantaggio, hanno preso il largo nel finale di gara. Il club presieduto da Mario Invincibile si porta, quindi, sull’1-0 a proprio favore nella serie e questo mercoledì potrebbe già chiudere i conti in Gara 2 a Pinetoli. Se non fosse così, l’eventuale Gara 3 è prevista per domenica prossima al Pala Livatino.