Gela sconfitto anche a Noicattaro

Pubblicato: maggio 3, 2010 in ARTICOLI SPORTISLAND
Pugliesi con qualche stimolo in più. Decide Benny Lorusso ad inizio ripresa.

Noicattaro-Gela 1-0

NOICATTARO (3-4-1-2): Petruzzelli, Benny Lorusso, Coppola, Di Bari; Fumai, De Santis, Strambelli, Loseto; Zotti (dal 44′ pt Bartolo Lorusso); De Lorenzo (dal 22′ st Ladogana), Manca. A DISPOSIZIONE: Di Torno, Sassarini, Colluto, Libera, Doria. ALLENATORE: Sauro Trillini
GELA (4-3-2-1) Ferla; Ricca, Lucioni, Di Muro, Piva; Viviano (dal 24′ st Cunzi), Zaminga (dal 25′ st Franciel), Cammarota; La Porta, Memè 6; Agostinelli. A DISPOSIZIONE: Nordi, Lordi, Italiano, Schiavon, Vianello. ALLENATORE: Nicola Provenza
ARBITRO: Zivelli di Torre Annunziata
MARCATORI: al 3′ st Benny Lorusso (N)
NOTE: spettatori 200 circa, incasso non comunicato. Ammoniti: Viviano, Manca. Calci d’angolo 10-5 per il Gela. Recupero 1′ pt, 5′ st.

Nel Noicattaro non c’è Musacco tra i pali: al suo posto Petruzzelli. Trillini conferma i tre in difesa ma con Di Bari preferito a Sassarini. Senza Perrone, tocca a Fumai spingere sulla destra e Loseto sulla corsia opposta. In avanti De Lorenzo fa coppia con Manca, mentre a capitan Zotti viene lasciato il compito di inventare. Sul fronte opposto, Provenza deve fare a meno di Cruciani squalificato: in mezzo al campo, tocca dall’inizio a Viviano dopo una stagione intera ad aspettare. Geraldi e Scopelliti rimangono a Gela. Potrebbe essere la volta buona anche del giovane centrale difensivo Italiano, ma parte dalla panchina. Ricca torna, invece, a presidiare la fascia destra, con La Porta a dargli manforte. Sull’out sinistro, il lavoro è svolto da Piva e Memè. Agostinelli unica punta. Cunzi e Franciel tra le riserve, con Schiavon e Nordi: il guardiapali Ferla ritrova l’ebbrezza della partita. Tra le due squadre, chi ha un minimo di stimoli è il Noicattaro giacché, in caso di vittoria, saprà con certezza che si batterà con la terz’ultima ai play-out in situazione di leggero vantaggio. Tocca ai padroni di casa, quindi, fare la partita. Il Gela è tranquillo ed in campo si vede. Nel primo tempo, si gioca al piccolo trotto e le poche conclusioni a rete non inquadrano mai lo specchio della porta. L’unica conclusione insidiosa è l’esterno mancino di Memè che sfiora il montante. Zotti non appare in stato di grazia e peraltro è costretto ad uscire poco prima del duplice fischio dell’arbitro Zivelli che manda tutti ad assetarsi negli spogliatoi per il break, considerata la temperatura quasi estiva. Al posto di Zotti entra Bartolo Russo che, in realtà, subentra tatticamente a Strambelli: è quest’ultimo, di fatto, ad occupare la zona di campo inizialmente assegnata al capitano nojano. Non appena rientrati per i secondi 45 minuti, ne passono 3 ed i rossoneri sbloccano il risultato: Strambelli si libera sulla fascia e serve in mezzo per Benny Lorusso il cui colpo di testa incoccia dapprima sul palo interno e poi s’insacca: nulla da fare per Ferla [nella foto; fonte: gelacalcio.it]. Il Gela continua nella sua onesta gara, ma la scarsa incisività sul piano realizzativo è una costante per il club biancazzurro: servono a poco, se non a niente sotto questo profilo, gli ingressi di Cunzi e Franciel a metà ripresa. Finisce 1-0 per i pugliesi che con questo successo di misura consolidano la quart’ultima piazza in classifica e, grazie alla sorprendente sconfitta al “Nazareth” dell’Isola Liri contro un Melfi oramai salvo, possono sperare di sorpassare i laziali all’ultima giornata e giocare gli spareggi salvezza con la penultima in classifica. Isola Liri che chiuderà la stagione regolare giusto al “Presti” contro un Gela che non ha nulla da chiedere al campionato in termini di classifica, quanto meno. Con quella di oggi pomeriggio, salgono però a 9 le gare senza vittorie: magari gli uomini di Provenza, dopo un girone di ritorno disastroso, da zona retrocessione, non vorranno chiudere la stagione lasciando un così brutto ricordo. E la mente va a quella prima giornata in cui a sorpresa, un team costruito in 10 giorni a ferragosto e dintorni, imponeva il pari alla corazzata Juve Stabia. Poi una serie eccezionale di risultati fino a conquistare la vetta per restarci un bel po’, mentre le vespe, più volte pronosticate come le grandi favorite del torneo, accumulavano ritardo su ritardo. Oggi la storia dice che col 2-0 sul Cassino, gli uomini del debuttante Rastelli bagnano con un “brindisi” il ritorno nella categoria superiore dopo un anno di purgatorio, durato fino alla fine o quasi, per merito di un Catanzaro che nonostante le enormi difficoltà societarie ed i tre punti di penalizzazione, ci ha creduto lo stesso arrendendosi solo oggi dopo l’1-1 al “Ceravolo” contro un motivatissimo Brindisi, per una sorta di anteprima di una possibile semifinale play-off. Dice addio agli spareggi promozione anche l’altra siciliana Siracusa che riesce nell’incredibile impresa di suicidarsi con successo per ben 2 volte in sette giorni: dopo essersi fatta rimontare al “De Simone” contro il Catanzaro, domenica scorsa, identico bis anche a Roma contro la Cisco. Sprecata l’occasione di giocarsi tutto contro il Barletta nell’ultima di campionato. Domenica, pertanto, si deciderà solo quali saranno gli abbinamenti degli spareggi. Questi i verdetti, con un turno di anticipo rispetto al termine della Regular Season: Juve Stabia in Prima Divisione; Play-Off: Catanzaro, Cisco Roma, Barletta e Brindisi; Play-Out: Isola Liri, Noicattaro, Vibonese e Vico Equense; Igea Virtus in D (Radiazione quasi certa, dopo 3 rinunce con quella di oggi contro la Scafatese al “D’Alcontres” di Barcellona Pozzo di Gotto).

LEGA PRO 2/C

33^ GIORNATA
Barletta-Monopoli 2-0 [Simoncelli, Manganaro]
Catanzaro-Brindisi 1-1 [Mortelliti (B), Longoni (C)]
Cisco Roma-Siracusa 3-2 [Dal Rio (S), Bufalino (S), Franchini (C), Padella (C), Franchini (C)]
Igea Virtus-Scafatese 0-3 [a tavolino]
Isola Liri-Melfi 0-1 [Guazzo]
Juve Stabia-Cassino 2-0 [Varriale, Peluso]
Manfredonia-Vico Equense 2-1 [Ferrari (M), Morfù (V), Ferrari (M)]
Noicattaro-Gela 1-0 [Benny Lorusso]
Vibonese-Aversa Normanna 1-1 [Di Mauro (V), Parisi (A)]

CLASSIFICA
Juve Stabia 72 punti promossa in Lega Pro 1
Catanzaro (-3) 68 punti Play-Off
Cisco Roma 65 punti Play-Off
Barletta (-1) 56 punti Play-Off
Brindisi 54 punti Play-Off
Siracusa 51 punti
Cassino 48 punti
Gela e Melfi 46 punti
Manfredonia 42 punti
Aversa Normanna 41 punti
Monopoli 40 punti
Scafatese 38 punti
Isola Liri 35 punti Play-Out
Noicattaro 34 punti Play-Out
Vibonese (-1) 28 punti Play-Out
Vico Equense 26 punti Play-Out
Igea Virtus (-4) 9 punti Retrocessa in D

MARCATORI
19 reti: Ciofani (Cisco Roma)
17 reti: Mosciaro (Catanzaro)
15 reti: De Angelis (Juve Stabia)
14 reti: Chiaria (Melfi) e Da Silva (Brindisi)
13 reti: Longoni (Catanzaro)
12 reti: Franchini (Cisco Roma)
11 reti: Agostinelli (Igea Virtus 6; Gela 5), Peluso (Juve Stabia), Perna (Aversa Normanna) e Vicentin (Juve Stabia)
10 reti: Arcamone (Melfi), Dal Rio (Siracusa) e Infantino (Barletta)
09 reti: Montella (Catanzaro) e Moscelli (Brindisi)
08 reti: Caputo (Catanzaro 6, Cisco Roma 2), Mastrolilli (Monopoli) e Mezgour (Cassino)
ecc. ecc.

PROSSIMO TURNO (34^ Giornata, 09/05/2010)
Aversa Normanna-Juve Stabia
Brindisi-Manfredonia
Cassino-Cisco Roma
Gela-Isola Liri
Melfi-Catanzaro
Monopoli-Igea Virtus
Scafatese-Noicattaro
Siracusa-Barletta
Vico Equense-Vibonese

Autore: Filippo Guzzardi

© SportIsland.net 2005-2010
pubblicata Lunedì 03/05/2010, o
re 00:57:01
www.sportisland.net
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...